Passa ai contenuti principali

Alcuni pregiudizi sulla figura dello psicologo Parliamone insieme

************DIBATTITO APERTO DITE LA VOSTRA ***********************
                                PREGIUDIZI SULLO PSICOLOGO

 ECCO COSA HO SENTITO DA ALCUNE PERSONE:
1) Io non ho problemi gravi, quindi non ho bisogno dell'aiuto di nessuno...
2) Lo psicologo mi complicherà le cose, perché stravolgerà la mia personalità
3) Ho avuto una brutta esperienza con una psicologa e non voglio averci più nulla a che fare...
4)La psicologia non è una scienza
5) Lo psicologo mi darà troppe medicine e non le lascerò mai più!
6) Mi ci vorrà per guarire una decina d'anni!

Mie risposte (ma attendo le vostre)
1) Allo psicologo specie negli ultimi 10 anni, si rivolgono ormai un po' tutti, dal momento che è sempre più chiaro che è meglio affrontare un problema in maniera seria e definitiva, che far passare degli anni soffrendo inutilmente. Per fortuna da un po' sta entrando in ogni contesto, dalla scuola alla medicina di base, passando per i centri estetici, di bellezza fino agli ospedali, nei reparti di oncologia, pediatria e ostetricia. Questa figura professionale sta dando il suo preziosissimo contributo, ormai in ogni ambito.
2) Se sono anni che non riesci a uscire da un disagio e prendi anche degli psicofarmaci, cosa può esserci di peggio? Lo psicologo non stravolge proprio nulla, ma ti aiuta a vedere da una prospettiva diversa i problemi (dilemmi, conflitti, disagi) che da anni di fanno soffrire, e che non riesci in nessun modo a risolvere.
3) Non tutti gli psicologi sono uguali, come non lo sono tutti i medici, tutti gli insegnanti o tutti i meccanici. Generalizzare è un qualcosa di abbastanza semplicistico e irrazionale
4) Sono 150 anni che ormai è una scienza, al pari della biologia, chimica e fisica. Esistono tantissime leggi in psicologia, per un breve cenno, potete far riferimento agli studi sulla percezione e sul condizionamento!
5) Lo psicologo non somministra farmaci; anzi nella maggior parte dei casi, se assumete già degli psicofarmaci, durante la psicoterapia, di concerto con il medico che ve li ha prescritti, provvederà a farvi ridurre il dosaggio fino a eliminarli, in caso di esito positivo della psicoterapia.
6) Oggi le psicoterapie sono abbastanza rapide, non esistono quasi più terapie decennali. Inoltre anche il tempo, è sempre relativo agli obiettivi che ci si pone. E' sempre un viaggio a 2 e paziente e psicoterapeuta insieme valuteranno gli obiettivi da raggiungere, tempo e quindi durata totale.
Dott Antonio Fabozzi Psicoterapeuta
Cognitivo-Comportamentale

Commenti

Post popolari in questo blog

PRENDITI CURA DI TE E IMPARA A VOLERTI BENE

ANSIA, DEPRESSIONE E ATTACCHI DI PANICO....Stop! 
Da oggi si cambia e si migliora! 

Sono i pensieri ad essere il vero problema. Se li modifichi puoi cambiare tutta la tua vita e dargli finalmente la direzione giusta.
Non è difficile cambiare...
Ma c'è bisogno di allenarsi per farlo.
Ti insegno come fare e resterai meravigliato di quanto in realtà fosse semplice.

Prima Incontro Gratuito per i fan della Pagina Facebook Ufficiale. 
Pagina Facebook: Dott Antonio Fabozzi Psicoterapeuta 

Riceve a Saviano (Napoli), Roma, Trieste.
Contatti: Telefono 328 71 09 932
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/dottantonio.fabozzi?ref=hl

(E' possibile per casi gravi prenotare una visita domiciliare)

Guida pratica destinata ai genitori per l'educazione dei propri figli

Sei un #genitore in preda ai capricci del tuo #bambino?
Dietro un "#capriccio" vi è sempre un significato.
Il mio manuale "Genitori Help", è una guida pratica ove sono raccolti consigli pratici per aiutare i genitori nell' #educazione del proprio bambino.
Il tutto corredato da esempi chiari e concreti.
Puoi prenotare sia la versione cartacea, sia formato e-book, in pdf.
Per info commenta, invia  un messaggio o contatta telefonicamente.

Dott. Antonio Fabozzi
Psicologo e Psicoterapeuta

Pensieri nel dormiveglia

Nelle madide notti, tra il buio più nero della pece e il dormiveglia che ti fascia come un lenzuolo, sovente scorgi dei pensieri leggeri e vacui; pensieri scaltri ed altri blandi, eppure in ciascuno di questi pensieri vi sono nascoste delle insondabili verità. Solo nel dormiveglia il nostro Io, riesce a farle uscire di tanto in tanto. E' probabile che la coscienza si spaventerebbe di fronte al con...tenuto di questi pensieri. Jung ad esempio parlava in questo caso di una forma di pensiero "non indirizzato", in cui il linguaggio sarebbe poco logico, eppur ricco di contenuti importanti e significativi appartenenti alla vera essenza della persona. Conoscersi potrebbe voler dire, scandagliare tali contenuti; il problema è che tali pensieri sono effimeri, perchè nel momento in cui si cerca di coglierli, il pensiero diventa "indirizzato" e quindi non più fluido, e naturale; è per questo che tali pensieri sono ad oggi, ancora poco conosciuti e poco studiati. Ma quanta…