Passa ai contenuti principali

Libro sul lutto

LUTTO E DESIDERIO
Teoria e Clinica del lutto
Autore "Francesco Campione"
Introduzione



La scena contemporanea del morire e le problematiche del lutto 


Parte Prima
Capitolo I
La morte per chi resta: i rituali  27
1. Vita, morte, lutto  27
2. Il deserto e la speranza: le teorie psicologiche del lutto e la crisi
 contemporanea del senso della vita  30
3. Il problema della morte nella famiglia del paziente
oncologico: il lutto anticipatorio 37

Capitolo II Il reale e l’immaginario nelle teorie del lutto 52
1. L’antropologia implicita nelle teorie del lutto e la critica del concetto di “perdita" 52


2. Presupposti teorici: un “campione rappresentativo” della letteratura sul lutto 60

Capitolo III Le principali teorie del lutto e la relazione etica


1. Le situazioni particolari di lutto e la relazione “etica” tra chi muore e chi resta

2. Le principali teorie del lutto e l’etica dei rapporti interpersonali

Capitolo IV
La risoluzione del lutto e i “modi” dell’amore


1. “Ama il prossimo tuo in quanto te stesso”

2. “Ama il prossimo tuo pensando a te stesso”

3. “Ama il prossimo tuo come se stesso”

4. “Ama il prossimo tuo come te stesso”

5. “Ama il prossimo tuo in quanto se stesso”

PARTE SECONDA
129
Capitolo V


Il lutto tra desiderio e assenza

 
1. La repressione del lutto nella cultura occidentale

Capitolo VI
Il lutto tra disperazione e crescita

 
 
Capitolo VII


Le tracce dei morti
 
 
1. Un cuore che sembra un sasso
2. I morti sono vivi che non hanno interesse ad esistere

Capitolo VII
Lutto e rituali funebri: verso l’inutilità


 
1. Ritualizzazione e deritualizzazione funeraria in Occidente

2. Lutto e rituali funerari nella prospettiva psicologica della fine del mondo
 


PARTE TERZA
 
Capitolo IX


La “cura” del lutto
1. Psicodiagnosi e psicoterapia del lutto patologico
2. Rilievi critici e analisi di situazione “tipiche”
3. Due casi clinici
4. Osservazioni
 
 

PARTE QUARTA
Capitolo X
Il “Progetto Rivivere”: esperienze di intervento
nelle situazioni di crisi e nel lutto

 
Capitolo XI
Muore un bambino
1. L’ora degli orfani
2. Premesse educative dell’aiuto psicologico ai bambini in lutto
 
Capitolo XIII 


L'aborto come lutto da elaborare all’infinito

 
Capitolo XIV
Il lutto impossibile per l’impossibile suicidio

 
Conclusioni

 
Premessa
Separarsi
 
Appendice 1 


La retrospezione melanconica
Il caso Cécile Münch
 
Appendice 2


Il modo di esser nell’amore 
 
Postfazione





ARMANDO
Elaborazione del Lutto

Commenti

Post popolari in questo blog

PRENDITI CURA DI TE E IMPARA A VOLERTI BENE

ANSIA, DEPRESSIONE E ATTACCHI DI PANICO....Stop! 
Da oggi si cambia e si migliora! 

Sono i pensieri ad essere il vero problema. Se li modifichi puoi cambiare tutta la tua vita e dargli finalmente la direzione giusta.
Non è difficile cambiare...
Ma c'è bisogno di allenarsi per farlo.
Ti insegno come fare e resterai meravigliato di quanto in realtà fosse semplice.

Prima Incontro Gratuito per i fan della Pagina Facebook Ufficiale. 
Pagina Facebook: Dott Antonio Fabozzi Psicoterapeuta 

Riceve a Saviano (Napoli), Roma, Trieste.
Contatti: Telefono 328 71 09 932
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/dottantonio.fabozzi?ref=hl

(E' possibile per casi gravi prenotare una visita domiciliare)

Guida pratica destinata ai genitori per l'educazione dei propri figli

Sei un #genitore in preda ai capricci del tuo #bambino?
Dietro un "#capriccio" vi è sempre un significato.
Il mio manuale "Genitori Help", è una guida pratica ove sono raccolti consigli pratici per aiutare i genitori nell' #educazione del proprio bambino.
Il tutto corredato da esempi chiari e concreti.
Puoi prenotare sia la versione cartacea, sia formato e-book, in pdf.
Per info commenta, invia  un messaggio o contatta telefonicamente.

Dott. Antonio Fabozzi
Psicologo e Psicoterapeuta

Pensieri nel dormiveglia

Nelle madide notti, tra il buio più nero della pece e il dormiveglia che ti fascia come un lenzuolo, sovente scorgi dei pensieri leggeri e vacui; pensieri scaltri ed altri blandi, eppure in ciascuno di questi pensieri vi sono nascoste delle insondabili verità. Solo nel dormiveglia il nostro Io, riesce a farle uscire di tanto in tanto. E' probabile che la coscienza si spaventerebbe di fronte al con...tenuto di questi pensieri. Jung ad esempio parlava in questo caso di una forma di pensiero "non indirizzato", in cui il linguaggio sarebbe poco logico, eppur ricco di contenuti importanti e significativi appartenenti alla vera essenza della persona. Conoscersi potrebbe voler dire, scandagliare tali contenuti; il problema è che tali pensieri sono effimeri, perchè nel momento in cui si cerca di coglierli, il pensiero diventa "indirizzato" e quindi non più fluido, e naturale; è per questo che tali pensieri sono ad oggi, ancora poco conosciuti e poco studiati. Ma quanta…