Passa ai contenuti principali

ASSUEFAZIONE E DIPENDENZA

Tolleranza e Assuefazione Condizionata: L’effetto Ambiente       PARTE 1


Antonio Fabozzi*; Francesco Cassese*
*Psicologo Clinico (Indirizzo Cognitivo-Comportamentale)
*Dirigente Medico - Psicoterapeuta Sert Pomigliano


Tutti abbiamo una canzone preferita. Ora, se proviamo ad ascoltare la nostra canzone preferita che ci dona delle emozioni indescrivibili, più e più volte, prima o poi, finisce con il lasciarci “a bocca asciutta” a livello emotivo. E allora, all’inizio per provare le medesime emozioni, proviamo ad ascoltarla aumentando il volume, e sembra funzionare; ancora per un po’. Poi passiamo alla versione Remix e poi alla Cover del nuovo autore … alla fine (scusate il bisticcio di parole) finiamo con il cambiar canzone. In poche parole ci siamo abituati, ci siamo “assuefatti” a quella canzone.

Tuttavia, a volte capita che alcune canzoni siano in grado di elicitare sempre delle emozioni molto forti, è vero. Ma questo avviene quando quella canzone è associata ad una determinata situazione, o persona, o contesto, i quali per il loro valore intrinseco ci hanno fatto provare un'emozione molto positiva (o anche negativa). Ma è il contesto della canzone, non la canzone in Sé a produrci quegli effetti.

Pertanto possiamo definire l’assuefazione come un fenomeno che si verifica nell’organismo per effetto della somministrazione continua di un farmaco (analgesici, tranquillanti, ecc.), per cui viene a diminuire, o addirittura ad annullarsi, la sua efficacia. Analogamente,l’ assuefazione all’alcol, è la progressiva tolleranza dell’organismo nei confronti delle bevande alcoliche. Pertanto, la stessa quantità di una sostanza (farmaco, droga, etc), con il passare del tempo produce degli effetti sempre minori. Fino a qui tutto “naturale”, ci sembrerebbe quasi scontato come fenomeno e forse per questo non degno della nostra attenzione! Eppure non è proprio cosi banale come potrebbe apparir a prima vista (o svista?), dal momento che dietro il processo dell’assuefazione sembra nascondersi un ”mondo”, traboccante di spunti teorici e clinico-riabilitativi.
 
Contatto Fb --> Dott Antonio Fabozzi (Psicologo Clinico)
Studio di Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale Saviano Na. Per appuntamenti Tel 328 71 09 932
E-mail fabozzi-antonio@alice.it

Commenti

Post popolari in questo blog

PRENDITI CURA DI TE E IMPARA A VOLERTI BENE

ANSIA, DEPRESSIONE E ATTACCHI DI PANICO....Stop! 
Da oggi si cambia e si migliora! 

Sono i pensieri ad essere il vero problema. Se li modifichi puoi cambiare tutta la tua vita e dargli finalmente la direzione giusta.
Non è difficile cambiare...
Ma c'è bisogno di allenarsi per farlo.
Ti insegno come fare e resterai meravigliato di quanto in realtà fosse semplice.

Prima Incontro Gratuito per i fan della Pagina Facebook Ufficiale. 
Pagina Facebook: Dott Antonio Fabozzi Psicoterapeuta 

Riceve a Saviano (Napoli), Roma, Trieste.
Contatti: Telefono 328 71 09 932
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/dottantonio.fabozzi?ref=hl

(E' possibile per casi gravi prenotare una visita domiciliare)

Guida pratica destinata ai genitori per l'educazione dei propri figli

Sei un #genitore in preda ai capricci del tuo #bambino?
Dietro un "#capriccio" vi è sempre un significato.
Il mio manuale "Genitori Help", è una guida pratica ove sono raccolti consigli pratici per aiutare i genitori nell' #educazione del proprio bambino.
Il tutto corredato da esempi chiari e concreti.
Puoi prenotare sia la versione cartacea, sia formato e-book, in pdf.
Per info commenta, invia  un messaggio o contatta telefonicamente.

Dott. Antonio Fabozzi
Psicologo e Psicoterapeuta

Pensieri nel dormiveglia

Nelle madide notti, tra il buio più nero della pece e il dormiveglia che ti fascia come un lenzuolo, sovente scorgi dei pensieri leggeri e vacui; pensieri scaltri ed altri blandi, eppure in ciascuno di questi pensieri vi sono nascoste delle insondabili verità. Solo nel dormiveglia il nostro Io, riesce a farle uscire di tanto in tanto. E' probabile che la coscienza si spaventerebbe di fronte al con...tenuto di questi pensieri. Jung ad esempio parlava in questo caso di una forma di pensiero "non indirizzato", in cui il linguaggio sarebbe poco logico, eppur ricco di contenuti importanti e significativi appartenenti alla vera essenza della persona. Conoscersi potrebbe voler dire, scandagliare tali contenuti; il problema è che tali pensieri sono effimeri, perchè nel momento in cui si cerca di coglierli, il pensiero diventa "indirizzato" e quindi non più fluido, e naturale; è per questo che tali pensieri sono ad oggi, ancora poco conosciuti e poco studiati. Ma quanta…