Passa ai contenuti principali

Misurare l'intelligenza scale Wais

Misurare l'intelligenza scale Wais
Parte1 Nozioni Generali
 
La Wais, acronimo di Weschler Adult Intelligence Scale - Revisedè il test di intelligenza più utilizzato in tutto il mondo. All'inizio della sua standardizzazione, l'uso che ne veniva fatto era esclusivamente per valutare le abilità cognitive e il livello di intelligenza, mentre, da diversi anni ormai, il medesimo strumento è parte integrante della batteria di test somministrata durante un esame psicodiagnostico. Infatti, attraverso la wais, è possibile misurare sia il livello di efficienza intellettiva, sia il funzionamento cognitivo ed emotivo del soggetto esaminato. Pertanto, questo test, può completare efficacemente le informazioni ottenute attraverso i test di personalità, procurando informazioni nuove e non ridondanti.
La wais è costituita da 2 parti, una parte raccoglie i dati relativamente alla componente verbale dell'Intelligenza (Scala Verbale), e quindi valuta il quoziente di intelligenza (Qi) verbale e una parte che invece approfondisce la componente Non-Verbale dell'intelligenza, (Scala di Performance), e quindi si parla di Quoziente di intelligenza non verbale o di performance. 
La scala verbale, da cui deriva il Qi Verbale è formata da 6 Categorie di Item:
1.Informazione
2.Comprensione
3.Ragionamento aritmetico
4.Analogie
5.Memoria di cifre
6.Vocabolario

 
La Scala di Performance (Qi di Performance), invece, è a sua volta composta da cinque categorie di Item:

1.Associazione simboli a numeri

2.Completamento di figure

3.Disegno con i cubi

4.Riordinamento di storie figurate

5. Ricostruzione di oggetti
 
Il confronto  e l'implementazione delle 2 scale (Verbale+Performance), costituisce il Qi Totale, ovvero il quoziente di intelligenza totale.
Per le diverse esigenze cliniche le scale Verbali e di Performance possono essere utilizzate o insieme, andando a valutare quindi e soprattutto studiare il Qi totale, o anche singolarmente, approfondendo in questo caso o il Qi di performance o quello verbale. In alcuni casi, ad esempio quando un soggetto è affetto da disturbi visuomotori, è d'uopo utilizzare e valutare unicamente la scala verbale e quindi il Qi Verbale, di converso, in soggetti non-verbali e quindi con deficit del linguaggio si preferisce utilizzare le Scale di Performance.
 
 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

PRENDITI CURA DI TE E IMPARA A VOLERTI BENE

ANSIA, DEPRESSIONE E ATTACCHI DI PANICO....Stop! 
Da oggi si cambia e si migliora! 

Sono i pensieri ad essere il vero problema. Se li modifichi puoi cambiare tutta la tua vita e dargli finalmente la direzione giusta.
Non è difficile cambiare...
Ma c'è bisogno di allenarsi per farlo.
Ti insegno come fare e resterai meravigliato di quanto in realtà fosse semplice.

Prima Incontro Gratuito per i fan della Pagina Facebook Ufficiale. 
Pagina Facebook: Dott Antonio Fabozzi Psicoterapeuta 

Riceve a Saviano (Napoli), Roma, Trieste.
Contatti: Telefono 328 71 09 932
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/dottantonio.fabozzi?ref=hl

(E' possibile per casi gravi prenotare una visita domiciliare)

Guida pratica destinata ai genitori per l'educazione dei propri figli

Sei un #genitore in preda ai capricci del tuo #bambino?
Dietro un "#capriccio" vi è sempre un significato.
Il mio manuale "Genitori Help", è una guida pratica ove sono raccolti consigli pratici per aiutare i genitori nell' #educazione del proprio bambino.
Il tutto corredato da esempi chiari e concreti.
Puoi prenotare sia la versione cartacea, sia formato e-book, in pdf.
Per info commenta, invia  un messaggio o contatta telefonicamente.

Dott. Antonio Fabozzi
Psicologo e Psicoterapeuta

Pensieri nel dormiveglia

Nelle madide notti, tra il buio più nero della pece e il dormiveglia che ti fascia come un lenzuolo, sovente scorgi dei pensieri leggeri e vacui; pensieri scaltri ed altri blandi, eppure in ciascuno di questi pensieri vi sono nascoste delle insondabili verità. Solo nel dormiveglia il nostro Io, riesce a farle uscire di tanto in tanto. E' probabile che la coscienza si spaventerebbe di fronte al con...tenuto di questi pensieri. Jung ad esempio parlava in questo caso di una forma di pensiero "non indirizzato", in cui il linguaggio sarebbe poco logico, eppur ricco di contenuti importanti e significativi appartenenti alla vera essenza della persona. Conoscersi potrebbe voler dire, scandagliare tali contenuti; il problema è che tali pensieri sono effimeri, perchè nel momento in cui si cerca di coglierli, il pensiero diventa "indirizzato" e quindi non più fluido, e naturale; è per questo che tali pensieri sono ad oggi, ancora poco conosciuti e poco studiati. Ma quanta…