Passa ai contenuti principali

AUTISM How can epidemiological studies contribute to understanding autism spectrum disorders?

Abstract

More and more studies on the frequency of autism spectrum disorders (ASD) have been published recently, most of which show the increase in prevalence data. In this review, the author pointed out factors and parameters to be considered in analyzing frequency data, i.e., the enlargement of the concept of autism, prevalence and incidence, accuracy and precision in the initial screening, and the effect of the "vaccine debate". The proportion of high-functioning ASD has been growing higher and higher due to better recognition in the last few years, and the apparent increase might still be the tip of an iceberg. Future epidemiological studies should include themes on diversity of the longitudinal course and re-conceptualization of ASD by dimensional diagnosis.

Autore: Yamanashi Prefectural Center for Psychological Development, 1-2-12 Kitashin, Kofu 400-0005, Japan.


TRADUZIONE ABSTRACT

Sempre più studi riguardanti la frequenza dei disturbi dello spettro autistico (ASD) sono stati pubblicati di recente, molti dei quali mostrano l'aumento della prevalenza di questa sindrome. In questa recensione, l'autore ha sottolineato i fattori e i parametri da prendere in considerazione nell'analisi dei dati di frequenza; sembra che ci sia un cambiamento nel modo di considerare questa sindrome. Nello specifico, i fattori che sembrano spiegare un aumento della frequenza dei casi si autimo secondo questo studio sono:

  • "allargamento" del concetto di autismo,
  • la prevalenza e l'incidenza,
  • accuratezza e precisione in fase di screening iniziale
  • l'effetto del "dibattito vaccino" .
La proporzione di soggetti con diagnosi di "alto funzionamento" ASD è cresciuta, grazie un migliore riconoscimento negli ultimi anni.
I futuri studi epidemiologici dovrebbero riguardare esperimenti sul decorso longitudinale

PER APPROFONDIMENTI O PER ARTICOLI CORRELATI SEGUI IL LINK
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22766241

Commenti

Post popolari in questo blog

PRENDITI CURA DI TE E IMPARA A VOLERTI BENE

ANSIA, DEPRESSIONE E ATTACCHI DI PANICO....Stop! 
Da oggi si cambia e si migliora! 

Sono i pensieri ad essere il vero problema. Se li modifichi puoi cambiare tutta la tua vita e dargli finalmente la direzione giusta.
Non è difficile cambiare...
Ma c'è bisogno di allenarsi per farlo.
Ti insegno come fare e resterai meravigliato di quanto in realtà fosse semplice.

Prima Incontro Gratuito per i fan della Pagina Facebook Ufficiale. 
Pagina Facebook: Dott Antonio Fabozzi Psicoterapeuta 

Riceve a Saviano (Napoli), Roma, Trieste.
Contatti: Telefono 328 71 09 932
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/dottantonio.fabozzi?ref=hl

(E' possibile per casi gravi prenotare una visita domiciliare)

Guida pratica destinata ai genitori per l'educazione dei propri figli

Sei un #genitore in preda ai capricci del tuo #bambino?
Dietro un "#capriccio" vi è sempre un significato.
Il mio manuale "Genitori Help", è una guida pratica ove sono raccolti consigli pratici per aiutare i genitori nell' #educazione del proprio bambino.
Il tutto corredato da esempi chiari e concreti.
Puoi prenotare sia la versione cartacea, sia formato e-book, in pdf.
Per info commenta, invia  un messaggio o contatta telefonicamente.

Dott. Antonio Fabozzi
Psicologo e Psicoterapeuta

Pensieri nel dormiveglia

Nelle madide notti, tra il buio più nero della pece e il dormiveglia che ti fascia come un lenzuolo, sovente scorgi dei pensieri leggeri e vacui; pensieri scaltri ed altri blandi, eppure in ciascuno di questi pensieri vi sono nascoste delle insondabili verità. Solo nel dormiveglia il nostro Io, riesce a farle uscire di tanto in tanto. E' probabile che la coscienza si spaventerebbe di fronte al con...tenuto di questi pensieri. Jung ad esempio parlava in questo caso di una forma di pensiero "non indirizzato", in cui il linguaggio sarebbe poco logico, eppur ricco di contenuti importanti e significativi appartenenti alla vera essenza della persona. Conoscersi potrebbe voler dire, scandagliare tali contenuti; il problema è che tali pensieri sono effimeri, perchè nel momento in cui si cerca di coglierli, il pensiero diventa "indirizzato" e quindi non più fluido, e naturale; è per questo che tali pensieri sono ad oggi, ancora poco conosciuti e poco studiati. Ma quanta…