Passa ai contenuti principali

PSICOLOGIA: CURIOSI FENOMENI

"Ce l'ho sulla punta della lingua"

Chi non ha esperito questo curioso, quanto apparente insondabile fenomeno?
Che ci si sforzi o meno di ricordare la parola, il risultato e' sempre lo stesso.
Ci pare di afferrarla, a volte ne indoviniamo persino le iniziali o proviamo una sorta di familiarita' per l'assonanza, eppure, la parola sembra proprio scomparsa, o almeno esiliata in un qualche angolo della nostra mente, al momento inaccessibile.
E' questo il fenomeno del "sulla punta della lingua" o anche T.O.T, dall'inglese Tip Of the Tongue.

Sigmund Freud, a cui tutti gli studiosi -volendo o meno- sono legati da una sorta di rapporto ambivalente di amore-odio, ipotizzava che la parola che in quel momento sfuggiva, veniva rimossa o repressa dalla persona stessa perche' collegata con un'altra idea gia' inconscia ed inaccettabile per il soggetto stesso.
Senza scendere nei particolari e nei reconditi sentieri dell'inconscio freudiano anche noi possiamo esaminare piu' da vicino questo curioso fenomeno o altri strettamente correlati.
Ad esempio a volte puo' capitare – specie tra quelle persone dotate di una sensibilita' maggiore e di una piu' organizzata capacita' introspettiva- di sentire che un particolare ricordo o anche una parola ci sfuggono, eppure avvertiamo una particolare sensazione che ci svela come noi realmente, non siamo particolarmente interessati a portar alla luce quel particolare ricordo.
Mettiamo in atto in questo caso la repressione, ovvero lo respingiamo quasi inconsciamente in uno spazio indefinito e profondo della nostra mente.

Quindi in futuro potremmo trovarci in una situazione simile – situazione del "ce l'ho sulla punta della lingua- tuttavia questa volta agira' un meccanismo che non opera secondo gli schemi della volontarieta', ma nell'inconscio.
Infatti se non riusciamo a tirar fuori la parola pur avendo la sensazione che a momenti l'afferriamo, non e' certo perche' siamo noi a voler cosi'.
Secondo il grande psicoanalista viennese, agirebbe un meccanismo molto piu' profondo e pertanto inconscio, quindi non volontario: la rimozione.

Come gia' accennato sopra, la nostra parola strenuamente ricercata verrebbe rimossa e spinta nell'inconscio perche' collegata ed associata (in modo molto complesso) con un'altra parola o idea o pensiero gia' inconsci ed inaccettabili.
Questo fenomeno fa parte - secondo gli studi freudiani- del gruppo piu' ampio degli atti mancati, a cui appartengono anche i lapsus, le dimenticanze, le sbadataggini e la caduta accidentale dalle mani degli oggetti.
Ora, se la teoria e l'immenso corpus psicoanalitico spiegano in questi termini questa forma di "amnesia" passeggera, altre branche della psicologia ne danno una spiegazione diversa.
Le moderne ricerche delle neuroscienze e della neuropsicologia, sono piu' propense a parlare di deficit di accessibilita'.
In altre parole il soggetto non ricorderebbe la parola, pur avendola disponibile, perche' c'e' un legame molto debole tra sistema fonologico (il quale contiene i suoni delle parole) e il sistema semantico (che contiene i significati delle parole).

Il filone di studi delle neuroscienze e' uno dei piu' promettenti nell'ambito delle moderne ricerche sul complesso rapporto mente e cervello.
In base a questi studi il cervello e' diviso in tante regioni, ognuna delle quali e' preposta ad una data funzione.
Quindi ci sono specifiche regioni che controllano i diversi processi cognitivi: aree del linguaggio, della vista, dell'udito e del movimento e all'interno di queste ci sono altre complesse segregazioni anatomo- funzionali, tutte ovviamente interconnesse ma che possono essere deficitarie l'una indipendentemente dall'altra.
E cosi', ipotizzando un'indipendenza funzionale tra i due sistemi - quello fonologico e semantico- intuiamo benissimo il motivo per il quale riusciamo a individuare le iniziali o il significato, la lunghezza della parola, tranne il suo suono integrale.

Un'altra ipotesi, e' quella secondo cui la parola da noi ricercata verrebbe soppressa da un'altra parola, magari simile alla nostra e che interferisce quindi con il suo recupero, e' questa la teoria dell'interferenza.

Comunque in generale, solo le parole piu' rare e meno rappresentate a livello associativo nella nostra memoria, vanno incontro a questo fenomeno, un fenomeno comunque naturale e non patologico.
Tuttavia il fenomeno del "ce l'ho sulla punta della lingua" e' solo uno dei tanti affascinanti e misteriosi fenomeni che hanno come protagonista la nostra mente.
Data la complessita' dell'argomento i diversi approcci dovrebbero coesistere ed essere complementari e non escludersi a vicenda, pena il non raggiungimento del nostro fine ultimo: la Verita'.

In conclusione sembra quasi che la metafora della parola che sfugge, ben si presti all'immagine di uno studioso che rincorrendo coraggiosamente la Verita' tra i reconditi sentieri della scienza, ella puntualmente, si allontana sempre di piu'.


Articolo pubblicato sul sito  HumanTrainer.com
Dott Antonio Fabozzi Psicologo
Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale
Contatti Pagina Facebook Dott Antonio Fabozzi (Psicologo Clinico)

Commenti

Post popolari in questo blog

PRENDITI CURA DI TE E IMPARA A VOLERTI BENE

ANSIA, DEPRESSIONE E ATTACCHI DI PANICO....Stop! 
Da oggi si cambia e si migliora! 

Sono i pensieri ad essere il vero problema. Se li modifichi puoi cambiare tutta la tua vita e dargli finalmente la direzione giusta.
Non è difficile cambiare...
Ma c'è bisogno di allenarsi per farlo.
Ti insegno come fare e resterai meravigliato di quanto in realtà fosse semplice.

Prima Incontro Gratuito per i fan della Pagina Facebook Ufficiale. 
Pagina Facebook: Dott Antonio Fabozzi Psicoterapeuta 

Riceve a Saviano (Napoli), Roma, Trieste.
Contatti: Telefono 328 71 09 932
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/dottantonio.fabozzi?ref=hl

(E' possibile per casi gravi prenotare una visita domiciliare)

Guida pratica destinata ai genitori per l'educazione dei propri figli

Sei un #genitore in preda ai capricci del tuo #bambino?
Dietro un "#capriccio" vi è sempre un significato.
Il mio manuale "Genitori Help", è una guida pratica ove sono raccolti consigli pratici per aiutare i genitori nell' #educazione del proprio bambino.
Il tutto corredato da esempi chiari e concreti.
Puoi prenotare sia la versione cartacea, sia formato e-book, in pdf.
Per info commenta, invia  un messaggio o contatta telefonicamente.

Dott. Antonio Fabozzi
Psicologo e Psicoterapeuta

Pensieri nel dormiveglia

Nelle madide notti, tra il buio più nero della pece e il dormiveglia che ti fascia come un lenzuolo, sovente scorgi dei pensieri leggeri e vacui; pensieri scaltri ed altri blandi, eppure in ciascuno di questi pensieri vi sono nascoste delle insondabili verità. Solo nel dormiveglia il nostro Io, riesce a farle uscire di tanto in tanto. E' probabile che la coscienza si spaventerebbe di fronte al con...tenuto di questi pensieri. Jung ad esempio parlava in questo caso di una forma di pensiero "non indirizzato", in cui il linguaggio sarebbe poco logico, eppur ricco di contenuti importanti e significativi appartenenti alla vera essenza della persona. Conoscersi potrebbe voler dire, scandagliare tali contenuti; il problema è che tali pensieri sono effimeri, perchè nel momento in cui si cerca di coglierli, il pensiero diventa "indirizzato" e quindi non più fluido, e naturale; è per questo che tali pensieri sono ad oggi, ancora poco conosciuti e poco studiati. Ma quanta…